La guerra dei cafoni - Carlo D'Amicis - Minimum Fax

alex
Categories: 

[[{"type":"media","view_mode":"media_large","fid":"266","attributes":{"class":"media-image size-full wp-image-812 aligncenter","typeof":"foaf:Image","style":"","width":"295","height":"399","title":"35-damicis-x-giornali_g","alt":""}}]]

La guerra dei cafoni - Carlo D'Amicis - Minimum Fax Estate 1975. In un villaggio della costa salentina si rinnova la guerra che oppone i ragazzini benestanti ai figli dei pescatori, dei pastori, dei contadini: i cosiddetti cafoni. A dichiarare e alimentare questo conflitto è il quattordicenne capo dei signori, che fa Angelo di nome, ma che nel soprannome porta il segno del campione e della perfidia: Francisco Marinho (rapinoso calciatore brasiliano dell’epoca), altrimenti detto il Maligno. Ossessionato dall’odio per i cafoni, Francisco Marinho combatte in nome dell'ordine sociale, della divisione di classe, della continuità storica. Ma quando, per un tragicomico equivoco, nella sua visione del mondo subentra una punta di compassione – o forse di affetto, o forse di amore – verso una giovane cafona, la separazione tra il bene e il male comincia a offuscarsi. Intorno a lui, i sintomi di una stagione nuova: dove il prestigio o la disgrazia dell'essere cede il passo all'arroganza dell'avere. La guerra dei cafoni non sarà più scontro tra i ranghi che ribadiscono lapropria natura, ma lotta di conquista, arrampicamento, disordine collettivo e interiore. Metafora, attraverso un microcosmo di ragazzini indemoniati, del cambiamento collettivo che inquegli anni trasfigurò il nostro paese, il nuovo libro di Carlo D’Amicis è poema cavalleresco e satira sociale, romanzo di formazione edivertissement pulp, tragedia dell'antica borghesia e commedia dell'Italia moderna. Breve trailer della presentazione organizzata da Altroquando a Castel Sant’Angelo