TRAM FRAME – mostra fotografica di Massimiliano Camellini – inaugurazione venerdì 5 novembre ore 19.00

Vita metropolitana: rumore, traffico, folla anonima, ritmi frenetici…tutto questo svanisce in “Tram Frame”. Una serie di ritratti urbani che racconta una realtà riuscendo, al contempo, a sublimarla. Il contesto di riferimento è immediato, ma i rimandi visivi sono assenti. Resta solo un’allusione reiterata in ogni scatto: il finestrino di un tram. Finestrino che diviene cornice, a sottolineare il centro di attenzione dell’indagine fotografica: le persone. L’occhio del fotografo si concentra sui singoli, descrivendo sguardi e gesti spontanei capaci di comunicare interiorità complesse, che normalmente passano inosservate tra la moltitudine metropolitana. Questi ritratti incorniciati sono avvolti dal silenzio, isolati dalla folla per restituire loro la propria individualità.

L’ambientazione scelta per i soggetti è quella del tram, mezzo pubblico per eccellenza, “non luogo” tipico della vita urbana. In questo progetto fotografico, il tram assume una valenza simbolica creando un parallelismo tra il piano spaziale e quello temporale. Il tragitto prestabilito che, ogni giorno, più volte, il tram sistematicamente percorre da capolinea a capolinea rimanda alla ciclicità temporale della routine quotidiana scandita dal ripetersi di azioni, percorsi e luoghi. Ma il tempo del veicolo pubblico è anche un tempo sospeso, di attesa. È territorio di transizione, mezzo di contatto tra due mete, che induce i viaggiatori a sostare, sospendere le attività per rimanere un attimo soli con sé stessi e osservare. Questo è l’attimo che coglie l’obbiettivo di Camellini, il momento in cui fluiscono i pensieri e le riflessioni o si scruta il mondo al di là del finestrino: la pausa temporale nella frenetica ciclicità del tempo quotidiano.

Ci troviamo, così, davanti a un variegato catalogo di umanità differenti, contemporaneamente peculiari e universali, che scorrono davanti ai nostri occhi, inquadrati dai finestrini, come i fotogrammi di un film.

Sara Montesello

per saperne di più: MassimilianoCamellini

Scrivi un commento

Devi accedere al sito per inserire un commento.