Libri rari e fuori catalogo

Semiologia del cinema
di Christian Metz
Garzanti
€15
335 pagine

Croce e delizia per ogni studente di cinema, le teorie di Christian Metz diedero deciso impulso ad un’analisi testuale, e sistematica, del testo filmico, mai prima di allora considerato in quanto tale. Da buon strutturalista, allievo di de Saussure e Hjelmslev, Metz guarda al cinema come un sistema di segni da decifrare e codificare. In questo libro, originariamente apparso nel 1968 e tradotto in Italia nel 1972, l’intellettuale francese fornisce un primo compendio del proprio pensiero, destinato a rivoluzionare per sempre (nel bene e nel male) gli studi filmici.

Stanley Kubrick. Una vita per immagini
di Christiane Kubrick
Rizzoli
€20
192 pagine

Sull’opera di Stanley Kubrick, regista tra i più geniali e discussi della storia del cinema, sono stati versati fiumi d’inchiostro. Una mole impressionante di studi dedicati ai suoi film e alla sua vita. Più o meno pertinenti, più o meno riusciti. La particolarità di questo libro sta nel fatto che si tratta di una splendida raccolta di fotografie, commentate dalla moglie Christiane, spesso anche autrice degli scatti. Dall’infanzia agli inizi come reporter, da Fear and Desire fino a Eyes Wide Shut, le immagini scelte raccontano il Kubrick pubblico e quello privato, con efficacia e senza retorica.

Pier Paolo Pasolini. Corpi e luoghi
a cura di Michele Mancini e Giuseppe Perrella
Theorema Edizioni
€50
565 pagine

Come recita il titolo, questo libro è una mappatura di corpi e luoghi ricorrenti, in maniera significativa, nell’opera cinematografica di Pier Paolo Pasolini. Tale mappatura è resa mediante la riproduzione di alcuni fotogrammi tratti dai film del Poeta, accompagnati dalle didascalie dei curatori. In apertura del volume ci sono degli interessanti scritti di Pasolini. Pubblicato nel 1981.

Cinema tedesco
di Umberto Barbaro
Editori Riuniti
12€
183 pagine

Studioso del cinema sovietico, co-fondatore del Centro Sperimentale e della rivista Filmcritica, Umberto Barbaro fu uno dei pionieri della critica nel nostro paese. Il testo che proponiamo, ultima fatica letteraria di Barbaro, è una storia del cinema tedesco che dagli albori arriva fino agli inizi degli anni cinquanta. Il volume doveva far parte in origine di una più ampia antologia critica della cinematografia mondiale. Edizione del 1973.

Hollywood: la corsa dei topi
di Ed Wood
DeriveApprodi
12,39€
141 pagine

Definito il peggior regista di tutti i tempi, Ed Wood trovò la sua (postuma) rivalutazione agli occhi del mondo grazie al grandissimo omonimo film che Tim Burton gli dedicò nel 1994. Questo libro, pubblicato nel 1998 negli Stati Uniti e due anni dopo in Italia, è un compendio di “istruzioni ad uso di aspiranti divi”, come recita il sottotitolo. Nonchè uno spaccato di vita hollywoodiana raccolto da uno sguardo piuttosto eccentrico e marginale. Per amanti del trash.



Scrivi un commento

Devi accedere al sito per inserire un commento.